Trasporto merci pericolose

Il trasporto delle merci pericolose rappresenta, oggi, un problema più rilevante dello stoccaggio e lavorazione delle stesse sostanze in impianti dedicati dove, adeguate misure di prevenzione e protezione, riducono molto il rischio di emissioni o contaminazioni.

Durante il trasporto, soprattutto in aree ad alta intensità di traffico e densamente popolate, sia lungo le strade sia accanto ai binari, si possono creare delle situazioni di altissimo rischio, che purtroppo, sfociano talvolta in tragedia.

Tutti ci ricordiamo dell’incidente di Viareggio a seguito del quale vi furono decine di morti e feriti.

Gli incidenti dovuti al trasporto delle merci pericolose (perdite a seguito di urti o ribaltamenti, emissioni nocive, incendi, esplosioni) sono molto più frequenti di quanto si pensi. Nella sola Lombardia, nel corso del 2006, si sono verificati 54 incidenti che hanno coinvolto merci pericolose (STATISTICA DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Incidenti stradali coinvolgenti sostanze pericolose 2006).

Molti di questi incidenti potrebbero essere evitati, se fossero attuate tutte le misure di prevenzione prescritte dalle normative tra le quali, vanno citate in particolare, l’informazione e la formazione del personale coinvolto a qualsiasi titolo nel trasporto delle merci pericolose.

Le normative riguardanti il trasporto delle merci pericolose

Negli ultimi anni la logistica è diventata uno dei fattori critici di successo delle aziende.

La corretta gestione di modalità e tempi delle forniture può assicurare un vantaggio competitivo determinante. Tutto ciò non deve però prescindere dal rispetto delle norme di sicurezza relative al trasporto delle merci pericolose.

Le normative ADR (trasporto su strada), RID (trasporto su ferrovia), ADN (via navigabile interna), IMDG Code (trasporto marittimo) e IATA DGR (trasporto aereo) disciplinano il trasporto delle merci pericolose:

EPA Soluzioni S.r.l. è in grado di fornire un servizio altamente competente e qualificato sull’applicazione di queste normative, attraverso l’assunzione dell’incarico di Consulente per il trasporto delle merci pericolose figura prevista da ADR, RID ed ADN.Il Consulente per il trasporto di merci pericolose.

Il D.Lgs n°40 del 4 febbraio 2000, Attuazione della direttiva 96/35/CE relativa alla designazione e alla qualificazione professionale dei consulenti per la sicurezza dei trasporti su strada, per ferrovia o per via navigabile di merci pericolose, sostituito di recente dal D.Lgs. 35/2010, "Attuazione della direttiva 2008/68/CE, relativa al trasporto interno di merci pericolose", istituisce anche nel nostro paese la figura del Consulente per il Trasporto delle merci pericolose (CST). 


Non tutte le aziende che trasportano o fanno trasportare merci pericolose sono tenute a nominare il CST, con alcune, presso il nostro sito epasoluzioni.it è reperibile una tabella nella quale è riassunta la situazione.